Sostenibilità fa rima con stagionalità

Sostenibilità fa rima con stagionalità

Quando, come, dove trovi la paglia per la tua casa naturale

Abbiamo imparato che ogni stagione ha i suoi prodotti alimentari, o meglio, lo stiamo riscoprendo.

Ci sono fior fiore di campagne di sensibilizzazione rispetto a “mangia la frutta di stagione, mangia la verdura di stagione”, se fai parte di qualche gruppo di acquisto solidale o anche tu hai il tuo contadino “spacciatore” di fiducia sai bene di cosa parliamo.

Un materiale naturale come la paglia, legato alle produzioni “di stagione”, rientra nelle stesse logiche alimentari di cui sopra.

Infatti, sebbene la farina e i cereali li abbiamo a disposizione tutto l’anno, la loro raccolta avviene in un momento specifico e cioè in estate.
E’ in questa stagione quindi che si produce anche la paglia, che è ciò che rimane del grano una volta raccolta la spiga con i semi.

Se stai pensando di costruire una casa di paglia (qui abbiamo raccontato 3 consigli utili), ne hai già parlato con i tuoi progettisti, o anche solo se per adesso è una lontana idea nella tua testa, è importante tenere conto di questa stagionalità.

Perché?

Perché la paglia va ordinata.
Certo, si trova anche fuori stagione, come molti alimenti, tuttavia è più facile per la gestione del cantiere se prendi contatti con il contadino prima della battitura, così da concordare dimensioni e specifiche tecniche, adattando le balle al tuo progetto e non il progetto alle balle che troverai.

Seguire la stagione e i processi agricoli ti permetterà di scegliere il meglio per la tua casa e ti da anche un’occasione per conoscere chi ti fornirà il materiale. Cercare il contadino, andare a vedere i suoi campi e prendere accordi, è un primo assaggio del gusto naturale che la tua casa avrà.

Naturale ed umano.

Perché come ogni volta che conosciamo chi sta dietro le cose che acquistiamo, siano questi cibi o oggetti, possiamo arricchire l’acquisto con la sua storia, aggiungendo valore a tutto il processo.

Quindi, sebbene la stagionalità ci impone dei ritmi specifici, noi siamo ben felici di accoglierli e adattare i nostri lavori a questi tempi scanditi. Scegliamo di lavorare di anticipo e di fare le cose seguendo la natura.

E se proprio arriviamo lunghi (capita a volte, ebbene si!), ci arrangiamo comprando prodotti fuori stagione, che hanno un sapore diverso, tuttavia svolgono ugualmente la loro funzione.

E tu come la vivi la stagionalità?

Nella nostra newsletter parliamo di queste e altre riflessioni legate alla terra e alla paglia, ai cantieri in corso e ai progetti in partenza.

Iscriviti qui ed esploriamo insieme il mondo dei materiali naturali.

Sara